5 Replies to “Un secondo dopo”

  • libro scritto con un linguaggio scorrevole e adatto ai giovani. la trama è molto appassionante, soprattutto nel terzo volume, dove si ha un totale cambiamento rispetto ai primi 2 libri

  • Davvero un bel libro..era da mesi che non leggevo e questo di 371 pagine(per l’ultima edizione) l’ho letteralmente divorato in poco meno di un giorno e mezzo.
    Interessante molto il contrasto di emozioni tra realtà e finzione dentro all’arena degli Hunger Games che delinea molto bene come le persone mutino cambiamento a dispetto delle diverse situazioni.
    Se dovessi esprimere un voto direi per certo un 9 pieno.

  • Il libro presenta una trama pressoché descrittiva, con un linguaggio molto sciolto. Un libro sicuramente adatto a noi giovani, poiché narra una storia molto avvincente, ambientata in luoghi di caccia come boschi, in cui si lotta per la sopravvivenza quotidiana…

  • Scendendo dall’autobus dopo aver finito di leggere il libro ho pensato “E adesso??” perché il libro viene interrotto bruscamente: in fondo, anche se gli Hunger Games erano finiti, non c’è una vera conclusione. Il messaggio del libro è soprattutto politico nel senso che serve per criticare una società di controllo, di ingiustizie e disuguaglianze. Nel libro è presente anche una storia d’amore molto confusa che non finisce nel primo libro ma verrà portata avanti fino alla fine.

  • Bel libro, scritto bene ,piuttosto semplice, ma contenente aspetti molto più complessi del libro stesso. Quello che secondo me ci vuole fare capire l’ autrice è la critica sistema totalitaristico in cui è ambientata la storia. un’altra cosa interessante che ho notato è che all’inizio del libro l’ambientazione sembra completamente irreale, mentre andando avanti nella storia alcune parti dell’ambientazione ricordano il mondo reale .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*